BSD è una società di consulenza attiva sin dal 1990. I suoi fondatori sono fra i maggiori esperti nell'ambito degli Human Factors, dell'Interazione Uomo-Macchina e dell'Interaction Design. BSD ottimizza il potenziale dei suoi clienti attraverso proposte innovative di design, con una solida base scientifica

Notizie


Servizi


Ricerca

Definiamo e gestiamo progetti di ricerca a livello regionale, nazionale ed europeo per avviare azioni innovative e aumentare il nostro know-how e le nostre capacità. Sviluppiamo progetti di ricerca, investendo nello sviluppo di competenze emergenti e di servizi innovativi.

Consulenza

Lavoriamo con i nostri clienti e partner fornendo servizi di consulenza e di informazione sul loro sviluppo organizzativo, concentrandoci su aspetti chiave quali l'innovazione, il benessere delle persone nel luogo di lavoro, il design di processo, di servizio e di prodotto.

Formazione

BSD definisce e sviluppa programmi di formazione modulari e personalizzati in base a strategie e bisogni formativi dei suoi clienti, utilizzando un approccio che integra workshop strategici, lezioni e seminari manageriali, laboratori di formazione, giochi di ruolo, e-learning e virtual classroom.

expertise


Fattori Umani e Ricerca Utente

BSD ha una profonda conoscenza dei fattori cognitivi implicati nell’azione umana e nell’interazione con le tecnologie. Attraverso una propria metodologia di analisi etnografica e contestuale, BSD conduce campagne di profilazione e ingaggio dell’utente con lo scopo di ponderare bisogni, desideri e aspettative degli utenti sugli obiettivi di business.

HMI e Ergonomia

L’analisi della performance e del carico di lavoro, la gestione dell’errore umano e la trasformazione dei paradigmi di interazione costituiscono il contributo di BSD in contesto industriale. Tra i pionieri di questa disciplina, il team BSD possiede conoscenze di alto livello sui temi dell'usabilità, del design partecipativo e dello user-centred design per le HMI e i pannelli di controllo.

Interaction, Service e Visual Design

BSD sviluppa progetti di innovazione design-driven e user-centred trasformando le attività umane grazie all’introduzione di artefatti, strumenti e servizi. A partire dalla modellazione delle attività, dell’interazione e dei sistemi, BSD definisce la struttura e il comportamento delle interfacce, i journey e i touchpoint per i servizi e il progetto visual.

Organizzazione e processi

Attraverso un approccio partecipativo, BSD effettua l'analisi organizzativa per promuovere il design strategico dei processi e l’ottimizzazione del flusso di lavoro: ruoli e strutture, modelli gestionali, sistemi di gestione delle risorse umane, programmi e strumenti di project management per l'innovazione dei modelli di business.

Portfolio


Concept di e-commerce cross-culturale

Sector: retail Partner: Avanade

Lo scopo del concept era quello di definire degli envisioning scenarios fondati su analisi e ricerche di mercato di larga scala condotte a livello globale. Un approccio progettuale scenario-based ha consentito di definire una user experience armonica e coerente a livello complessivo senza trascurare le raccomandazioni alle quali era stata data priorità. Al fine di progettare uno strumento gradevole e realmente utile, sono state analizzate e tenute in considerazione sia le esigenze commerciali / strategiche del cliente, che le esigenze di usabilità degli utenti finali. Dopo la definizione di un concept e dei servizi di riferimento, sono stati realizzati wireframe e prototipi visivi convalidati in modo iterativo con i partners.

×

Progettazione e valutazione di una piattaforma per il social computing

Sector: retail Client: IT Society

L'intervento si è fontato su attività di user reserach e di profilazione, ed ha condotto alla definizione di percorsi di servizio centrati sull'utente, in domini come la pubblica amministrazione ed quello automotive. Nel corso dei progetti, il team BSD ed i clienti sono stati coinvolti nel co-design di nuove soluzione di interazione con l'utente. La valutazione dell'usabilità è stata condotta iterativamente, catturando le proposte di redesign in forma di prototipi digitali.

×

Progettazione di un web repository per i beni culturali

Sector: education Client: Digital Humanities Observatory (Royal Irish Academy)

Obiettivo di questo progetto è stata la progettazione di un portale web per la categorizzazione, l'archiviazione, la ricerca e l'accesso di una imponente repository di dati relativi al patrimonio del Digital Humanities Observatory della Royal Irish Academy. Abbiamo condotto cicli iterativi di valutazione con gli utenti con lo scopo di costruire un'architettura usabile e una interfaccia appealing, caratterizzata da smart tagging di immagini, audioclip e movies.

×

usabilitÀ e design dell'interazione: dal metodo alle linee guida

Sector: IT Client: SOGEI

Il progetto era finalizzato allo sviluppo di un programma di formazione sullo user experience design. Il team BSD è stato coinvolto nella formazione di sviluppatori e progettisti su:

  • progettazione e valutazione di interfacce utente;
  • architettura dell'informazione e graphic design;
  • progettazione dei contenuti e editing del testo;
  • prototipizzazione;
  • accessibilità;
  • svilluppo condiviso di linee guida sull'usabilità.
×

Valutazione di interfacce uomo-macchina negli impianti di produzione

Sector: energy Client: Agip

A BSD è stata richiesta una valutazione del rischio sul lavoro, espresso in termini di efficienza, di potenziale per l'errore umano e di salute e sicurezza del personale, relativo alla progettazione e alla struttura attuale degli impianti di produzione. L'attività è stata condotta tramite metodi di ispezione off-line (es. analisi degli elaborati CAD 3D), indagini sul campo (es. task analysis e interviste) e analisi sistemica. La valutazione ha generato raccomandazioni per la riprogettazione delle interfacce (es. esecuzione di operazioni sull'impianto) e delle procedure implicate (es. piani di accesso e evacuazione e procedure di manutenzione dell'impianto). In particolare, il team BSD si è occupato della valutazione ergonomica del rischio e della performance per l'operatore della piattaforma a livello socio-tecnico, comprendente l'affidabilità, l'efficienza e la sicurezza dell'operatore. I risultati di questa attività sono stati di supporto allo risoluzione di potenziali fonti di errore

×

Valutazione del rischio di stress e del benessere psicologico.

Sector: finance Client: Intesa San Paolo

L'intervento mirava ad una valutazione approfondita del benessere e dei rischi psicosocialli. Nel corso del progetto, il team di BSD ha condotto interviste strutturate ed osservazioni sul campo per studiare il contesto ed il contenuto del lavoro. L'uso di questionari ha permesso di rilevare il rischio di stress ed il livello di benessere percepito, e sono stati raccolti ed analizzati dati oggettivi indicatori di stress. I risultati delle analisi quantitative e qualitative sono stati poi discussi on focus group, conducendo allo sviluppo di raccomandazioni e linee guida per il miglioramento e la salvaguardia del benessere dei lavoratori.

×

Sviluppo di una strategia di design per una compagnia di IT

Sector: IT Partner: Engineering

L'obiettivo di questo progetto è stata la creazione di una strategia di design sui servizi digitali. Abbiamo condotto un esame sistematico dei metodi di progettazione consolidati e validati, e una revisione delle attività e dei processi critici. Il risultato di queste attività è stata la definizione di una strategia aziendale per lo sviluppo di una propria cultura del design dell'interazione.

×

concept di design per una piattaforma intranet

Sector: public Partner: Avanade

L'obiettivo del progetto era quello di delineare la struttura di alto livello di una piattaforma intranet per desktop. Il concept è stato prodotto sulla base di una analisi dei requisiti, interviste e profilazione degli utenti. La tecnica degli user journeys, così come in generale le metodologie di Interaction Design, e di service design sono stati utilizzati durante tutto il processo.

×

Design e innovazione: workshop di design collaborativo e partecipativo

Sector: automotive Client: FIAT Centro Stile

In questo progetto, abbiamo progettato ed condotto un workshop di design strategico, dove si alternavano spunti teorici a casi studio e esempi, a sessioni di progettazione effettiva, in gruppo o individuale. Il team BSD ha formato un audience di designers su

  • forma, funzione e problem solving;
  • design centrato sulla persona;
  • il processo decisionale e le emozioni;
  • il corpo e il pensiero;
  • embodied cognition;
  • diversitá e personalizzazione
The course comprised and strongly relied on hands-on practical design sessions.

×

Sviluppo del modello concettuale per app di Bilancio Familiare

Sector: finance Partner: GAIA

Il progetto mirava a progettare un ambiente digitale multipiattaforma per la gestione del bilancio familiare. Questo progetto ha visto una fase iniziale di sviluppo di un modello concettuale e una successiva fase di design. Nella prima fase sono stati definiti i meccanismi di ragionamento, l'algoritmo e le regole del servizio di consulenza finanziaria alla base di un sistema di gestione del bilancio familiare. Sulla base di business analysis e di una analisi degli user requirements, sono stati sviluppati personas e scenari. Un approccio progettuale scenario-based ha poi portato a completare il modello di servizi di consulenza finanziaria, sulla base del quale è stata progettata una app multi-dispositivo – per web e dispositivi mobili - in grado di rendere disponibili tutti i servizi di sostegno al bilancio familiare offerti da una banca, in un modo veloce ed efficace, intuitivo. Dopo la definizione di un concept e dell'architettura informativa, sono stati realizzati wireframe e prototipi visivi, i quali sono stati anche convalidati in modo iterativo attraverso sessioni di audit e validazioni informali.

×

Analisi e consulenza sullo stress lavoro-correlato

Sector: health Client: Eli Lilly Partner: Università di Roma, Tor Vergata

La prevenzione dello stress lavoro-correlato è ormai un obbligo per le imprese italiane. La normativa vigente richiede di identificare i potenziali rischi e a definire azioni per prevenire e ridurre il rischio di malattie legate allo stress sul lavoro. Insieme al Dipartimento di Medicina del lavoro dell'Università di Roma, Tor Vergata, BSD ha condotto un workshop sulla prevenzione delle malattie dovute allo stress, coinvolgendo professionisti e manager di Ely LIlly, per discutere e pianificare azioni specifiche per la prevenzione dello stress. Il workshop si è tenuto alla fine del processo di analisi, ed è servito ad introdurre aspetti innovativi come l'empowerment delle persone, l'arricchimento dei ruoli e lo sviluppo organizzativo.

×

Accompagnare il cambiamento: valuatazione di stress lavorativo ed identificazione di strumenti sicuri per la gestione del cambiamento

Sector: ICT  Client: Telecom  Partner: Tor Vergata University of Rome

In previsione di importanti cambiamenti organizzativi che interesseranno nel corso del 2014 il personale dei call center ed il personale tecnico di Telecom, BSD e l'Università di Roma Tor Vergata, sono statè incaricate di condurre un progetto con una duplice finalità̀. Da un lato, l'obiettivo é stato quello di condurre una valutazione approfondita dei rischi psicosociali per i diversi gruppi di lavoratori interessati dai cambiamenti. Dall'altro, l'indagine mirava a identificare strumenti per una migliore gestione del cambiamento, attraverso il coinvolgimento dei lavoratori e l'analisi delle culture aziendali e del modo in cui esse reagiscono alle modifiche del contesto lavorativo L'indagine si é avvalsa di strumenti qualitativi e quantitativi, combinando analisi documentale, osservazione sul campo, conduzione di focus group e somministrazione di questionari, standardizzati e ad-hoc. I risultati, oltre a fotografare lo stato di benessere ed il rischio stress per i diversi gruppi di lavoratori, hanno permesso di identificare una serie di possibili azioni concrete di miglioramento, nonché una serie di strumenti di "gestione, comunicazione e monitoraggio" degli effetti del cambiamento aziendale, in grado di supportare sia la linea manageriale sia il livello più̀ operativo della popolazione lavorativa coinvolta nel progetto.

×

PROGETTAZIONE DELL'AMBIENTE DI KNOWLEDGE MANAGEMENT PER LE CUSTOMER OPERATIONS

Sector: ICT Partner: AMC Services

Obiettivo del progetto era quello di intervenire sui sistemi tecnologici di knowledge management al fine di ottimizzare i processi di generazione della conoscenza aziendale e della sua condivisione interna, con conseguente miglioramento dell'efficienza, efficacia e soddisfazione da parte degli operatori interni. L'attività è partita da una valutazione di punti di forza e debolezza dell'attuale sistema di Knowledge management e l'impatto sulle customer operations, sia dal punto di vista dei contenuti che delle tecnologie impiegate. Sulla base di una valutazione esperta del sistema e interviste con utenti, sono state proposte soluzioni e interventi di miglioramento, individuando anche indicatori di efficacia delle azioni intraprese. Applicando la metodologia scenario-based design è stato realizzato un concept di interfaccia di supporto a flussi e processi dell'applicativo KM e dei template per l'organizzazione dei contenuti.

×

Corso di CHANGE MANAGEMENT

Sector: Media Client: RCS

In un contesto di cambiamenti continui di mercato e di scenari strategici, occorre condividere le opportunità di miglioramento e gli aspetti positivi, superando le visioni minacciose dovute alla crisi e alla instabilità di imprese, governi e pubbliche amministrazioni. Nel corso di change management che BSD ha erogato a top e middle manager di RCS sono stati discussi modelli del cambiamento insieme ai modi per identificare i fattori chiave di successo delle persone e dei gruppi, portando i partecipanti attraverso un percorso di consapevolezza e sviluppo. Il training ha avuto il formato di un laboratorio esperienziale con esercitazioni ed autodiagnosi, alternate a momenti di sistematizzazione delle esperienze pratiche, analisi di casi ed esperienze.

×

Riprogettazione in chiave responsive di un marketplace online per il luxury fashion

Sector: Retail Cliente: PrivateGriffe

Il progetto riguardava la completa riprogettazione – in logica "mobile first" – di un e-commerce per fashion di lusso; il processo è consistito in una fase di user analysis – che si è concretizzata in interviste con utenti target e stakeholeders interni, e task analysis con utenti – e in una successiva fase di concept/modeling (ottimizzazione dell'Architettura Informativa, definizione dei flussi di interazione). Il concept prescelto fra le proposte offerte è stato successivamente sviluppato in un progetto visuale coerente, che ha definito tutti i comportamenti e le regole per la definizione del layout. La struttura della piattaforma è stata pensata per essere responsive e per privilegiare la fruizione da tablet e smartphone.

×

SOCIAL WEB MARKETING AND WEB STRATEGY TRAINING per un consorzio di imprese

Client: CDO Saronno Partner: WeLikeCrm

Il Web 2.0, l'Enterprise 2.0, i social network: che impatto hanno sulle strategie aziendali, sull'operatività e sulla gestione delle persone? Quali trend di natura sociale, tecnologica e organizzativa stanno modificando la vita e i confini delle imprese? Nell'attuale panorama sociale ed organizzativo, conoscere ed utilizzare efficacemente gli strumenti del Web rappresenta una marcia in più per l'azienda e la sua competitività. Per questo motivo BSD è stata incaricata dall'associazione di imprese raccolte nel CDO Saronno di erogare due corsi, rispettivamente su Social Media Marketing e Web Strategies. Imprenditori, manager e web content manager di diverse PMI del CDO hanno partecipato ai corsi. Uno dei corsi mirava a fornire: conoscenza dei nuovi scenari del business offerti dalle tecnologie social, le strategie e gli strumenti di comunicazione; conoscenze pratica nel progettare ed implementare campagne web e social, centrate sugli utenti ed basate sui principi della comunicazione persuasiva. Il corso sulle Web Strategies si concentrava sull'uso professionale dei social network per la comunicazione d'impresa, sulle applicazione avanzate, la profilazione e personalizzazione, e su argomenti avanzati di comunicazione (per immagini, multimediale, storytelling,…). Entrambi i corsi prevedevano sia sessioni teoriche che pratiche: esercitazioni hand-on centrate su casi di studio portati dai partecipanti.

×

Interaction Design Workshop 2014: Smart ambient assisted living

Client: Technogym

L’esperienza maturata nell’ambito del wellness e del fitness da Technogym e la forte componente di innovazione tecnologica legata alla pratica sportiva proposta dai mercati globali, sono i punti di partenza per provare ad analizzare e costruire un nuovo rapporto tra utente e le tecnologie legate all’attività fisica. Sempre di più il mondo del wellness si sta saturando di wearable device che si arrogano il ruolo di personal trainer o di life tracker, con l’obiettivo di generare informazione da un continuo flusso di dati riversati nella rete e riprocessati secondo algoritmi più o meno complessi. Il tema di workshop frutto di una collaborazione tra BSD e Technogym è stato indagare in maniera critica il ruolo che la tecnologia e gli strumenti di monitoraggio dell’attività sportiva hanno nell’attività quotidiana degli utenti, con l’obiettivo di sviluppare un progetto che permetta un nuovo rapporto tra l’uso degli attrezzi sportivi sempre più invisibili e integrati nella nostra sfera domestica e personale.

×

Progettazione di un modello di interazione e interfacce per un GIS social

Client: Unisky srl

L’obiettivo principale del progetto MITO prevede la gestione di informazioni e banche dati da un punto di vista geospaziale e temporale, uscendo dalle logiche tradizionali dell’interfaccia GIS e spostando il focus sugli aspetti semantici dell’informazione. In una prima fase di analisi emergono anche alcune questioni rilevanti per la disciplina del design, in particolar modo per ciò che riguarda il progetto visivo dell’interfaccia, la progettazione della User Experience (UX) e lo sviluppo di nuove modalità di interazione tra utente e sistema. Per arrivare allo sviluppo dell’interfaccia di MITO si è analizzato il target di riferimento, evidenziando alcuni degli ambiti applicativi sui quali articolare lo sviluppo del concept e degli scenari. Questa fase di design, articolata in quattro parti, ha portato alla defnizione fnale di alcuni temi principali di progetto legati alla data visualization, all’analisi dei dati e agli strumenti per generare contenuti multimediali su dispositivi mobile. Alla luce della prima fase di lavoro si è arrivati alla defnizione di alcuni possibili domini su cui sviluppare i concept di design della piattaforma MITO. Per ognuno di questi domini è ipotizzabile specifcare differenti tipi di utenti, che potrebbero essere considerati negli scenari e posti al centro della defnizione del modello di interazione.

×

Cabel

Sector: ??? Partner: ???

"Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint occaecat cupidatat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum.

×

Disegno dei servizi per la Smart City

 Partner: Amc Services

Parte del piano di innovazione delle Pubbliche Amministrazioni in chiave "smart city", l'obiettivo del progetto SPAC3 è creare una piattaforma digitale per la scoperta e la gestione online dei servizi del comune. La piattaforma, in fase di sperimentazione nei comuni di Milano e Bergamo, personalizza l'offerta di servizi e attività secondo i dati e le preferenze dell'utente, e si interfaccia con l'agenda cloud di enti e associazioni. BSD ha curato la user research, l'engagement di cittadini e associazioni, gli aspetti di design dell'interazione e del servizio, e la sperimentazione sul territorio. Il progetto è finanziato dalla Regione Lombardia e realizzato grazie alla collaborazione di nove partner tra università, centri di ricerca e aziende.

×

Interfaccia e servizi per il Monitoraggio della Performance Finanziaria (CPM)

Client: FabricaLab

BSD ha progettato il modello di interazione per il software di Workflow Management System e Corporate Performance Monitoring in dominio finance con funzioni di raccolta dati, analisi e reporting destinato a profili di admin, controller e operativi.
Il tool ha obiettivi di analisi strategica, relativamente a come esporre il dato su formati predefiniti con visione di insieme – analisi trasversale e analisi operativa, ad uso dei singoli task e azioni sullo strumento con la componente della reportistica.
BSD ha sviluppato un modello di interazione e di funzionamento dell’interfaccia per i componenti di Dashboard, di Process Selector, di Timeline e di struttura per i task specifici.

×

Strategia e gestione per Online Communities - Open Innovation

Client: Regione Lombardia

Nell’ambito del progetto Open Innovation promosso da Regione Lombardia, BSD ha giocato un ruolo attivo nella gestione delle community Smart Healthcare, Smart and Social Living e Social Inclusion in smart cities. In questo quadro BSD si è posta come un attore di rete in grado di accelerare l’incontro tra soggetti pubblici, soggetti privati e enti di ricerca per promuovere iniziative di Open Innovation. BSD è stata impegnata nelle seguenti attività: definizione di una strategia di gestione e di business del progetto, community manager, content management, engagement dei membri delle community ad essere contributor attivi, utilizzo di strumenti social e mail integrati alla piattaforma, promozione delle nostre community in rete, eventi e conferenze, moderazione della produzione di conoscenza, creazione di valore in termini di networking e conoscenza reciproca in termini di proposte di collaborazione e di sviluppo di progetti.

×

Ricerca e progettazione per la sicurezza stradale e il cambiamento dei comportamenti alla guida

Client: Presidenza del Consiglio dei Ministri

Progetto gestito da BSD e Amcservices. Obiettivo del progetto è coinvolgere i ragazzi e le ragazze tra i 14 e i 20 anni in un percorso che mira all’identificazione di contenuti e strategie per la promozione della cultura della sicurezza stradale: acquisire una maggiore consapevolezza delle proprie azioni, delle loro conseguenze e delle responsabilità di ciascuno. Il progetto prevede una serie di attività: la ricerca sullo stato dell’arte della sicurezza stradale in relazione ai giovani, la creazione e animazione di una community digitale attraverso i principali social network usati dai ragazzi, l’organizzazione di eventi volti alla sensibilizzazione sul tema della sicurezza, la gestione di un contest per la premiazione dei migliori messaggi di promozione della sicurezza stradale, la creazione di un modello di empowerment replicabile e distribuibile, la realizzazione di una serie di interventi in scuole medie-superiori con il coinvolgimento di insegnanti e operatori.

×

sebastiano bagnara

Sebastiano Bagnara ha introdotto e sperimentato tra i primi le nozioni e le pratiche di ergonomia cognitiva e di interaction design in Italia e nel mondo. Oggi Sebastiano insegna Psicologia della Percezione presso il Corso di Laurea di Design dello IUAV-Università di San Marino. E' stato docente di Psicologia Cognitiva presso il Dipartimento di Architettura e Urbanistica dell'Università di Sassari ad Alghero, dove ha guidato il corso di laurea in Design. Sebastiano ha scritto più di duecento articoli scientifici, ed è stato autore e editore di una dozzina di libri (tra gli altri, a cura di Gillian Crampton Smith "Theories and Practice of interaction Design").

×

maurizio mesenzani

Maurizio Mesenzani è consulente e formatore di business management, amministratore di BSD e CEO di arké management consulting services (amcservices), fondatore e Sales Partner di Chorally e di Welikecrm. Client Leader e Program Manager in progetti strategici di management, social CRM, vendite e sviluppo organizzativo anche in ambito smartcities, service management e social media management. Maurizio collabora come partner con l'Università Statale di Milano ed è docente a contratto presso l'Università Statale Bicocca di Milano (dipartimento DISCO) oltre che consulente esterno dell'Ufficio Placement. Collabora con istituzioni accademiche e università e ha diverse pubblicazioni nel campo del CRM e del social CRM, del knowledge management e della strategia organizzativa.

×

oronzo parlangeli

Oronzo Parlangeli è professore associato presso l'Università di Siena, dove è anche coordinatore del laboratorio di Psicologia all'interno del Dipartimento di Scienze politiche, sociali e cognitive. Conduce attività di ricerca in psicologia cognitiva e ergonomia cognitiva da molti anni. E' stato Presidente della Società Italiana di Ergonomia ed è attualmente Editor-in-Chief della "Rivista Italiana di Ergonomia". I suoi interessi di ricerca includono l'apprendimento e il multitasking, l'attribuzione di stati mentali a sistemi complessi, le emozioni e la comunicazione nel settore sanitario. Il suo ultimo libro analizza l'evoluzione e la sostenibilità dei rapporti tra mente e tecnologia.

×

alessandro pollini

Alessandro Pollini, PhD, è un interaction designer e esperto di ergonomia cognitiva e human factors, con esperienza sia nel mondo accademico che nell'industria. Alessandro ha una vasta esperienza su user research e profiling, sviluppo di modelli di sistemi, progettazione di modelli di interazione e di interfacce macchina e metodologie di validazione. Ha conseguito la sua laurea (2004) e il dottorato (2008), con specializzazione in Human-Computer Interaction e Interaction Design. E’ stato ricercatore in Interazione Uomo-Macchina, Tecnologie per l’apprendimento e Psicologia cognitiva dal 2009 al 2013. Alessandro ha lavorato in numerosi progetti nazionali ed internazionali di ricerca e innovazione nei programmi Smart-City, ICT, Transport, Security e Lifelong Learning come ricercatore e interaction designer. Ha pubblicato numerosi articoli su HCI, human factors e interface design.

×

m. cristina caratozzolo

Maria Cristina Caratozzolo, Ph.D., è stata ricercatrice post-dottorato in Ergonomia Cognitiva presso l'Università di Siena. Ha conseguito la Laurea nel 2002 e un Dottorato di ricerca nel 2007, specializzandosi in Ergonomia e Interaction Design. Cristina ha condotto ricerca Post-Doc nel campo della psicologia cognitiva, ergonomia cognitiva e della comunicazione, con particolare attenzione alla progettazione e utilizzo delle ICT come supporto nei flussi di lavoro della Sanità. E' stata docente di Psicologia Cognitiva e della Comunicazione presso l'Università di Siena, ed ha anche esperienza come consulente in progetti di usabilità e design delle interfacce e dell'interazione.

×

stefano guidi

Stefano Guidi, PhD, è ricercatore e consulente in psicologia cognitiva, Ergonomia e Fattori Umani. Ha conseguito una laurea in Scienze della Comunicazione e un dottorato di ricerca in Scienze Cognitive, ed è stato docente e borsista post-dottorato presso l'Università di Siena. Ha esperienza di ricerca e di insegnamento, soprattutto in HCI, nei metodi di ricerca quantitativi e qualitativi, in psicologia cognitiva e interaction design. In BSD ha lavorato principalmente nelle indagini su stress lavoro correlato e sui rischi psicosociali all'interno del settore del credito. Ha partecipato a diversi progetti di ricerca nazionali ed internazionali, e i suoi studi sono stati pubblicati in numerose riviste internazionali.

×

alberto allegrini

Alberto Allegrini è l'amministrativo BSD ed è responsabile del controllo di gestione della società. Ha una laurea in Scienze della Comunicazione e Web Economy e ha maturato una esperienza professionale in contabilità. Le sue mansioni includono la rendicontazione amministrativa dei progetti finanziati. Si occupa prevalentemente di revisione e aggiornamento amministrativo, così come dell'analisi dei risultati di business. Si occupa anche di recupero crediti e di gestione dei rapporti con i rappresentanti amministrativi di clienti e fornitori.

×

michele zannoni

Michele Zannoni è un interaction designer e un ricercatore dell'Università degli Studi della Repubblica di San Marino. Attualmente è vice direttore del Corso di laurea in Design e docente di un corso di interaction design. Michele si laurea in architettura nel 1996 presso lo Iuav di Venezia e da subito inizia a lavorare nel campo del design dell'interazione. Nel 1997 fonda Studio AlterMedia, specializzato nella produzione di sistemi comunicativi nell'ambito del multimedia, del video e del web design. Nel 2008 è tra i soci fondatori di Studio Visuale dove ha ricoperto il ruolo di interaction designer fino al 2013. Nella sua attività professionale ha partecipato a progetti nazionali e internazionali e i suoi lavori hanno ricevuto riconoscimenti nel campo del multimedia e dell'interface design. Dal 2009 collabora con il centro stile di Technogym partecipando al progetto delle interfacce grafiche dei prodotti dell'azienda.

×

alice verioli

Alice Verioli è ricercatrice e consulente in organizzazione, sviluppo e progettazione con esperienza sia nel mondo accademico che aziendale su progetti di realizzazione di business plan e progettazione di servizi. Ha conseguito la laurea magistrale nel 2012 in Sociologia presso l'Università di Milano Bicocca e ha frequentato il corso post-laurea in Comunicazione Digitale presso UPA Milano. Alice ha lavorato come consulente, è stata coinvolta in progetti di gestione di open data per il settore pubblico (camera di commercio) e ha lavorato in un progetto di sviluppo di reti d'imprese e contratto di rete nei distretti industriali del Nord Italia (Lombardia e Veneto).

×

roberto biancucci

Roberto Biancucci ama definirsi "Professionista del Web", la su lunga e ricca esperienza è maturata rivestendo ruoli quali: Visual & UI Designer, Web & Mobile Developer, Project & Team Coordinator. Mosso da una forte curiosità verso le nuove tecnologie e dalla passione per le arti visive, negli ultimi 15 anni Roberto ha fondato una web agency (inizi 2000), ha lavorato presso Dada.net (2008), Gucci - PPR Group (2009) e LuisaViaRoma (2011), partecipando a numerosi progetti eCommerce nell'ambito Luxury & Fashion Retail.

×

giuseppe padula

Giuseppe Padula si occupa di innovazione dei processi manifatturieri e di packaging in qualità di consulente e ricercatore. Si laurea in Ingegneria Meccanica presso l'Università di Bologna ed ottiene il Master in Gestione d'Impresa MIP presso il Politecnico di Milano. Segue corsi di specializzazione in economia di impresa presso la Tuebingen Universitaet. Dopo la laurea si occupa di promuovere in Italia le tecniche di Project Finance applicate al settore dell'Efficenza Energetica Industriale realizzando progetti pilota ed organizzando convegni in collaborazione con agenzie europee ed industrie multiutility. Per oltre venti anni lavora nel settore delle tecnologie di automazione di packaging, sviluppando processi e prodotti innovativi presso importanti aziende italiane e straniere. Negli ultimi anni si occupa dell'applicazione delle tecnologie Cloud al settore Manufacturing, sviluppando i primi brevetti e progetti italiani e pubblicando articoli su riviste e quotidiani. Insegna come Professore a Contratto presso le Università di Parma e IUAV Venezia, sede di San Marino.

×

Angela Di Massa

Angela Di Massa è un'interaction designer che ha maturato un interesse critico nell’analisi delle relazioni tra prodotto, utente, interfaccia e contesto d’uso. Nel 2011 consegue la laurea triennale in disegno industriale presso il Politecnico di Torino con un progetto di ricerca sul design italiano degli anni Zero; nel 2015 ottiene la laurea specialistica in interacion design presso l’Università degli Studi della Repubblica di San Marino con la progettazione di una piattaforma Open Source per il monitoraggio dei giocatori nella pallacanestro. Ha partecipato a diversi workshop promossi da aziende e università, tra cui Technogym, Loccioni, UNIRSM e IUAV.

×

Donald Norman

Don Norman è uno dei pionieri dell'ergonomia cognitiva e dello human-centred design. Norman è direttore del Design Lab alla University of California, San Diego, co-fondatore del Nielsen Norman Group, IDEO fellow, e ex vice-presidente di Apple. Attualmente insegna alla University of California, San Diego, alla Northwestern University e alla Tongji University di Shanghai. Tra i titoli da lui pubblicati, La caffettiera del masochista (Giunti), Emotional Design (Apogeo) e Vivere la complessità (Pearson). Legato da sempre a Sebastiano e BSD, è inspirational advisor della società.

×

Luigi De Sica

Luigi De sica è un interaction designer che si occupa di User Experience ed User Interface. Nel 2011 ottiene la laurea triennale in disegno industriale presso la facoltà IUAV di Venezia con il progetto di un’imbarcazione monoposto in scatola di montaggio; Nel 2015 consegue la laurea specialistica presso l’università degli studi della Repubblica di San Marino con una tesi di Service Design sull'intermodalità che comprende l’utilizzo, senza soluzione di continuità, di diverse modalità in un unico viaggio. Ha collaborato con diverse realtà nel campo del design industriale e dell’interaction attraverso Workshop e stage promossi dall’università, tra i quali UNIRSM, IUAV, Technogym, Deep Blue e Loccioni.

×

Luigi Rosati

Luigi Rosati, psicologo del lavoro e delle organizzazioni, ha un’esperienza ventennale nella progettazione di iniziative cofinanziate da fondi pubblici: comunitari, nazionali e regionali. Ha ricoperto per più di dieci anni la posizione di responsabile progettazione, ricerca e sviluppo per enti di formazione professionale di interesse nazionale. Si occupa di human resources management ed ha coltivato interessi e competenze nell’ICT. Ha ricoperto incarichi per attività di assistenza tecnica presso pubbliche amministrazioni e incarichi di docenza sui temi dell’europrogettazione e della progettazione complessa, anche in ambito universitario.

×

Benedetta Scarpelli

Benedetta Scarpelli è un’interaction e visual designer con la passione per i linguaggi visivi e per la comunicazione implicita tra persone, oggetti e macchine di qualsiasi tipo. Dopo la laurea triennale conseguita nel 2006 presso l’ISIA di Firenze, ha approfondito i suoi studi presso l’Università di Siena, dove nel 2010 ha conseguito la Laurea Magistrale in Design di ambienti per la comunicazione con una tesi sulle installazioni interattive nei musei. La curiosità per l’apprendimento informale l’ha portata all’Exploratorium di San Francisco prima di approdare al Dipartimento Educazione della Fondazione Palazzo Strozzi di Firenze dove ha lavorato per anni nel campo della comunicazione, degli allestimenti interattivi e del social media marketing.

×

clienti


Adecco
Agenzia delle Dogane
Agip
Alcatel Lucen Italia
Amcservices
Avanade
Balance Consulting
Cassa di Risparmio di Firenze
Centro Factoring
Condè Nast
Comune di Bergamo
Comune di Milano
Culture
DHO / Royal Irish Academy
Domus Academy
Eli Lilly
Engineering Ingegneria Informatica
Eni Corporate University
Ente Cassa di Risparmio di Firenze
FabricaLab

FCA Market Research
Fiat Sepin
Fondazione IBM
Fondazione Irso
Foraboschi Ingegneria
GAIA
Glaxo Wellcome
H3G
ISIS
InfoCamere
Infogroup
Interaction Design Institute Ivrea
Intesa San Paolo
IRFI
ISIMM
Isvor Knowledge System
ITC - Istituto Trentino di Cultura
Linear
Loccioni
Med-Use

Negri Bossi
Ospedale Sant'Andrea
Poste Italiane
P. C. Ministri - dip. Pari Opportunità
PrivateGriffe
Regione Lombardia
Regione Toscana
S3.Studium
Sardegna Ricerche
Scuola Superiore Sant'Anna
Sedus Stall
Sky
Sogei
Space
Technogyn
Telecom Italia
UniSky
Vedute d'Insieme
Vodafone

contatti


roma


  • Via Boezio, 14 - 00192
  • Tel/Fax: 06 8351 3781

milano


  • Via Zezon, 5 - 20124
  • Tel: 02 8417 0961 Fax: 02 8413 2813

firenze


  • Impact Hub, Via Panciatichi, 10-14, Edificio F - 50127
  • Tel/Fax: 055 417666

Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti per ottimizzare l'esperienza d'uso. Utilizzandolo, acconsenti all'utilizzo dei cookies.